TopRightLogin

Mercoledì, 26 Gennaio 2011 15:31

Il Master

Rate this item
(7 votes)

FREQUENTARE UN LL.M.

I Master in legge, cosi’ come sono strutturati oggi nelle Top Law School americane, sono di due tipi: Master generici e Master specifici. Entrambi conferiscono il titolo di LL.M., Master of Laws. Tuttavia, i due tipi differiscono significativamente.

I master generici permettono di frequentare virtualmente qualsiasi corso offerto all’interno di una Law School americana. Di solito le scuole limitano l’accesso ai corsi-base di legge americani (corsi del primo anno), ma cio’ dipende dalla scuola.

Il master generico di solito viene utilizzato da chi vuole farsi un’idea generale del sistema legale americano, oppure vuole specializzarsi in un’area del diritto, con un occhio pero’ al sistema considerato nel suo complesso.

Va detto subito che il master generico, ancorche’ interessante e stimolante per tutta una serie di motivi, spesso non corrisponde alle esigenze di chi si e’ gia’ laureato da qualche anno ed ha gia’ intrapreso la professione. Infatti, un master generico da’ l’occasione piu’ che altro di “tornare a scuola”, benche’ si tratti di una scuola per molti versi assai diversa dalla nostra e soprattutto in lingua inglese.

I master specifici (per esempio, LL.M. in taxation), si concentrano totalmente su un unico aspetto del diritto. Sono percio’ corsi piu’ avanzati e specializzati che ben si adattano alle esigenze di chi ha gia’ chiare le idee su cio’ che vuole studiare e/o possiede gia’ esperienza specifica nel campo.

Mentre gli LL.M. generici assai raramente sono frequentati da Avvocati e studenti americani, quelli specializzati lo sono molto di piu’, in quanto essi costituiscono un appetibile “plus” anche per gli avvocati americani che si specializzano in un settore del diritto.

In ogni caso, sia che si scelga un LL.M. specifico che un LL.M. generico, l’esperienza del master risulta sempre unica e ricchissima per chi la vive.

Infatti, al di la’ della indubbia preparazione tecnica che un corso post-graduate negli Stati Uniti conferisce a chi si reca a studiare negli USA, rimane una esperienza umana ed intellettuale unica.

Innanzitutto, si viene in contatto con universita’ leader nel mondo accademico mondiale ed americano. Le universita’ americane, tutte private, sono vere e proprie fucine all’avanguardia nel campo dell’istruzione e della ricerca. Le strutture didattiche sono efficienti, accessibili e tecnologicamente avanzate. Il perdonale docente e’ a completa disposizione degli studenti, con un atteggiamento aperto e low-profile.  

In secondo luogo, gli studenti vengono immersi in una realta’ internazionale, e vengono a contatto con decine di studenti o giovani professionisti provenienti da tutto il mondo. Tutto cio’, combinato ad una eccellente vita culturale ricca di eventi e quindi molto stimolante, contribuisce ad aprire la mente e preparare i candidati LL.M. per una carriera professionale di primo piano nel loro paese d’origine

IL NETWORK INTERNAZIONALE 

Il Master è una preziosa piattaforma di conoscenze e relazioni. Dato l’alto profilo dei partecipanti, è facile stringere relazioni durature con tanti professionisti sparsi in tutto il mondo.

Inoltre, vista la velocità con cui un laureato LL.M. è in grado di raggiungere posizioni di primo piano nella legal community, la rete di conoscenze acquisita rappresenta un patrimonio prezioso nell’ambito della propria crescita professionale.

Le Law School organizzano periodicamente incontri tra gli ex-alunni, facilitano la nascita di club geografici e in genere facilitano i contatti tra la scuola e gli ex-alunni. ALMA si propone di perpetuare questa rete di contatti tramite l’organizzazione di eventi ad hoc e un completo database di LL.M. Italiani.

UN INVESTIMENTO – OCCASIONI LAVORATIVE

Nonostante non sia vero che un LL.M. apra le porte per un impiego negli Stati Uniti, e’ tuttavia provato che l’LL.M. apre molte porte presso studi italiani.

Ogni anno, a Gennaio, a New York si svolgono due Job Fair, una organizzata da NYU e l’altra organizzata da Columbia, rivolte al recruiting per gli studenti delle piu’ importanti Law School degli Stati Uniti. A tali Job Fair partecipano di solito i piu’ importanti studi legali, sia italiani che internazionali. Gli studenti devono “submit an application” per avere un’intervista con tali studi, successivamente vengono scelti e poi, nell’arco di una sola giornata, verranno intervistati in colloqui di venti minuti ciascuno.

Mentre e’ molto raro essere assunti da Studi Legali Americani tramite la Job Fair, e’ molto piu’ facile che siano gli Studi Legali Italiani ad assumere LL.M.. Di solito la retribuzione e la posizione lavorativa offerte sono migliorative rispetto a quelle con cui lo studente LL.M. e’ partito dall’Italia. L’entità di questo salto varia ovviamente a seconda del tipo di carriera intrapreso, del tipo di settore e del prestigio della scuola.

Si noti infine che e’ da sfatare il mito per cui un Master in legge offre sicuramente occasioni lavorative negli Stati Uniti. Se l’idea e’ quella di trasferirsi negli USA, o di passarci un numero considerevole di anni, la strada migliore e’ quella di frequentare un J.D. (vale a dire prendere la laurea in legge vera e propria, della durata di tre anni). Entrare in una Law School per un J.D., soprattutto se una Top Law School, e’ molto piu’ difficile che entrare per un LL.M.. Occore infatti, per esempio, passare l’esame LSAT, che e’ lo stesso esame che anche gli studenti americani debbono passare. Tuttavia, alcune scuole contano i 4 anni della Laurea in Legge italiana come un anno americano, e pertanto danno la possibilita’ di conseguire un J.D. in due anni anziche’ tre.

Il fatto che l’LL.M. non venga riconosciuto negli Stati Uniti come sufficiente per un impiego quale Associate in uno Studio Legale deriva dal fatto che un anno di studi negli USA non e’ considerato sufficiente per familirizzarsi con un sistema legale totalmente diverso da quello italiano.

CONSIDERAZIONI FINALI

Cio’ che un Master in legge negli Stati Uniti da’:

  • Un’esperienza culturale ed intellettuale unica;
  • La possibilita’ – forse l’ultima – di staccare dal lavoro e di immergersi in un mondo protetto, per studiare (privilegio non da poco);
  • Contatti con persone interessanti e intraprendenti che si manterranno tutta la vita;
  • Un approccio al diritto pratico e concreto;
  • La possibilita’ di entrare in contatto con la migliore accademia americana ed internazionale;
  • La conoscenza di alcuni aspetti del diritto che in Italia vengono “scimmiottati” senza comprenderne a fondo la ratio;
  • Strutture eccezionali, come per esempio biblioteche aperte a tutte le ore ed aule dotate di apparecchiature tecnicamente molto avanzate.

Tuttavia, un Master in legge negli Stati Uniti non da’:

    • Un inglese perfetto: sulla padronanza della lingua occorre infatti lavorare continuamente, altrimenti si rischia di attestarsi su un livello medio – buono senza progredire piu’.
    • Amicizie con gli americani: il contatto con i J.D. e’ spesso difficile. Anche questo e’ un punto su cui bisogna lavorare con pazienza, durante tutto l’LL.M..
    • La possibilita’ di lavorare negli USA: contrariamente a quello che si pensa, il titolo di Master of Laws (LL.M.) non e’ equivalente a quello di Jurisprudence Doctor (J.D.) e pertanto le Law Firms americane sono poco interessate ad assumere LL.M.s. Trovare lavoro negli USA e’ pertanto difficile e molto competitivo.
 
Read 5385 times Last modified on Martedì, 17 Luglio 2012 16:48
Login to post comments